Assemblea antirazzista: LETTERA AL COMUNE DI TRENTO – Persone senza casa e Coronavirus

Premesso e considerato che:
– l’eccezionale rischio sanitario che interessa l’intero territorio nazionale ha imposto l’adozione, con Dpcm 9.3.20, di misure di cautela straordinarie, comportanti deroghe anche a diritti costituzionalmente sanciti;
– il principio fondamentale che ordina le misure applicate a livello nazionale è la necessità di ridurre gli spostamenti sul territorio delle persone, favorendo (ed anzi imponendo) la permanenza presso il proprio domicilio;
– l’eccezionalità della situazione dovrebbe imporre l’adozione, in qualsivoglia occasione, di misure, atti e comportamenti che non violino i principi sanitari ispiratori delle misure straordinarie;
– anche nella città di Trento è elevato il numero di persone senza dimora.
 
Il coronavirus ci impedisce la mobilità, ma non la doverosa tutela dei più svantaggiati. La mancata presa in carico da parte del Comune di Trento degli interessi e dei diritti delle persone senza dimora rappresenterebbe una palese e gravissima violazione dei principi ispiratori delle misure straordinarie in atto a livello nazionale.
Una persona senza dimora stabile, infatti, è esposta a maggiore pericolo di essere contagiata, rischiando, costretta a vivere per strada, di divenire veicolo di contagio. Considerata l’attuale emergenza, la mancata adozione di misure idonee ad impedire il permanere di tale situazione, rischia di divenire causa di aggravamento dell’epidemia. Nel bilanciamento tra diritti ed interessi in gioco pare evidente che a prevalere dovrebbe essere quello teso alla tutela della salute ed incolumità pubblica.
Tutto ciò premesso e considerato, nel superiore interesse della tutela della salute dei medesimi e della collettività, si chiede che vengano messe in atto tutte le misure utili e necessarie all’accoglienza di tutte le persone senza fissa dimora.
Il Punto di Incontro non può e non deve essere lasciato solo a fornire un posto coperto durante il giorno. Le norme di sicurezza impongono delle distanze necessarie anche per il consumo dei pasti che per questo devono avvenire a più turni e che comportano momenti di attesa all’esterno della struttura. Anche per quanto riguarda le misure adottate dalle strutture di accoglienza notturne (che hanno anticipato l’orario di rientro serale) non si può ritenere siano sufficienti a contenere i contagi. Alcune delle strutture (diurne e notturne) che accolgono senza dimora, grazie anche al supporto dei volontari, hanno già denunciato una situazione che di fatto impedisce di attuare tutte le precauzioni richieste dall’attuale situazione emergenziale.
Nel peggiore dei casi, gli attuali servizi non sarebbero in grado di garantire assistenza agli ospiti qualora positivi al virus. Nel caso in cui un solo ospite si ammalasse, tutta la struttura potrebbe essere preclusa e, se messa in quarantena, verrebbe meno il servizio per altre decine di utenti.
Riteniamo indispensabile l’immediata trasformazione dei dormitori in strutture comunitarie ove stare come a casa, ovvero dove poter trascorrere anche tutte le ore diurne, senza l’obbligo di uscire durante la giornata. Visti i necessari momenti di pulizia e riordino, è indispensabile porre in essere una sinergia effettiva ed immediata fra le diverse strutture, bilanciando tra le stesse la gestione dell’emergenza anche con l’aggiunta di spazi idonei. Per garantire oggi la riduzione degli spostamenti, è fondamentale che le diverse strutture di accoglienza si organizzino insieme per offrire spazi agibili e operatori disponibili durante le 24 ore.
Chiediamo che il Comune di Trento prenda seriamente in considerazione le proposte avanzate e faccia tutto il possibile per garantire questa organizzazione, pensando alle necessità che ci sono oggi e continueranno nelle prossime settimane. Suggeriamo di guardare alle misure prese in altre città italiane, dove si stanno allestendo posti letto in luoghi idonei per garantire un tetto a tutte le persone.
Al Comune di Trento è richiesta l’applicazione di tutte le misure atte a preservare la comunità nella sua interezza. Riteniamo di fondamentale importanza che le misure di cui si richiede la messa in atto siano accompagnate da mediatori e psicologi, affinché le categorie vulnerabili a cui sono rivolte possano comprenderne il principio di tutela e salvaguardia e non invece concepirle come misure repressive.
Lasciare indietro qualcuno in una situazione emergenziale di questa portata, non è solo umanamente sbagliato, ma significa permettere che rimangano sacche dove il virus può continuare a contaminare, in totale divergenza alle normative sanitarie messe in atto.
Cordialmente,
Assemblea Antirazzista Trento
 
SE DESIDERI ADERIRE SCRIVI A: [email protected] o lasciando un commento qui sotto.
ADESIONI:
  • Forum trentino per la pace e per i diritti umani
  • Coordinamento Associazioni della Vallagarina per l’Africa – CAVA
  • 46 parallelo
  • Movimento Nonviolento
  • Rete Oltrelaccoglienza
  • Gruppo Emergency Trento
  • Collettivo Overground
  • Ali Aperte
  • APS TRENTO POETRY SLAM
  • DEINA TRENTINO APS
  • APS Dulcamara, Circolo ARCI Cafè de la Paix
  • Resistenza pacifica Rovereto
  • Gruppo Autonomo Volontari per la Cooperazione e lo Sviluppo del Terzo Mondo
  • Centro per la Pace di Rovereto
  • Associazione 46° Parallelo – Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo
  • Tam tam per Korogocho
  • Resistenza pacifica Rovereto
  • ANPI Rovereto
  • NOI più oratorio Borgo Sacco
  • NOI più oratorio Rosmini Rovereto
  • Forum per la pace
  • La Macchia Rovereto
  • Rete Solidale Lagarina
  • Arci del Trentino
  • Il gioco degli specchi
  • Sentinelli di Trento
  • Penny Wirton Trento
 
Copertina di: Mauro Biani pagina